POP

Alessandro Alo ed… Achille

Da X Factor al “mondo reale” ma sempre con la determinazione che lo contraddistingue.

Dopo aver presentato su Gay Lounge Italia il primo singolo di Alessandro “Uomini che amano le donne” non potevo di certo esser da meno con l’uscita di “Achille”, nuovo capolavoro. In rete infatti, potrete già trovare commenti bellissimi a riguardo e io stesso, dopo aver ascoltato la canzone, non ho resistito a chiedere direttamente all’autore se aveva voglia di raccontarci qualcosa in più.

Ecco quindi le parole di Alessandro Alo:

La parola che ho sentito di più dall’uscita di Achille è omoerotico. E non mi dispiace. In effetti il nuovo video è stranamente sexy ma, cosa ci posso fare?

Achille” è il mio secondo singolo, arrivato in un momento ben differente della mia vita, fuori dall’hype della partecipazione a X Factor. Ho quindi pensato di presentare al pubblico qualcosa di completamente diverso, o quasi.

Achille è un brano R&B/POP dalla produzione minimale, con un ritornello accattivante (ma più semplice di uomini che amano le donne e odiano gli uomini ecc…) ed è forse il primo brano italiano in cui ci sia una dichiarazione d’amore esplicita da un uomo per un uomo: “se di notte grido il tuo nome, mentre sono a letto con lui”/ “tu sei il mio tallone d’Achille”; il tutto condito però da un sottile velo di ironia per introdurre lo spettatore nella mia personale visione del mondo.

Per me questo nuovo singolo è stato uno step obbligato. Era qualcosa che dovevo assolutamente fare, far uscire nuova musica a distanza di pochi mesi. Nel campo professionale infatti, purtroppo o per fortuna, sono instancabile.

E’ per questo motivo che a fine marzo sono andato dal mio agente e gli ho detto che, cascasse il mondo, sarebbe uscita una nuova canzone ad aprile, “Achille“. Ho voluto occuparmi io di tutto ma, far uscire il video, sentivo che era il momento giusto per farlo.

Sincero, potete chiamarmi l’uomo dell’ultimo minuto. Pensa che il video di “Uomini che amano le donne” è stato preparato in sole 2 settimane (storyline, location, coreografie, styling). Di solito funziona che vado a letto con un pensiero e la mattina dopo ecco: mi si apre un mondo e comincio a chiamare a destra e a manca per organizzare tutto. E’ successo così anche con Achille, con l’unica differenza che è il primo video della mia intera videografia in cui sono completamente solo. Niente ballerini, niente su cui fare riferimento. Ci siamo solo io e la telecamera. 

Probabilmente è stato l’ennesimo modo di mettermi in sfida con me stesso ed in un certo senso questo ultimo video è stato più complicato di molti altri. Fino al giorno in cui l’ho visto finito non sapevo davvero cosa mi sarei potuto aspettare. 

Sì, sapevo che c’ero io che canto, io su un cavallo, io che ballo in un recinto. Ma sai, nessun elemento che garantisse una buona riuscita. 

Eppure quando l’ho avuto tra le mani mi sono trovato in questa specie di mondo nostalgico e desaturato, a tratti sensuale, che mi ricordava le serie tv anni 90, tipo “Xena” o “Hercules”, ambientato in campagna mi sono detto: Wow, lo adoro! E’ super contemporaneo.

Inutile raccontare bugie, so benissimo che i numeri non potranno mai essere gli stessi di un periodo in cui c’erano 6 milioni di persone a guardarmi attraverso lo schermo. E nemmeno l’investimento. Quindi mi sono detto: Bene, facciamo qualcosa di completamente diverso!

In fondo sono molto felice così, ed è quello che continuerò a fare: essere un artista gay determinato, ambizioso e sognatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...