POP

Pakistan e omosessualità – una lotta fra religione, cultura e diritti umani

Chiamata anche al-fahsha’ (atto osceno), l'omosessualità spesso non viene accettata e complica la vita di chi vive in determinati Paesi.

E’ da tempo che avrei voluto raccontare una storia di questo tipo, che va oltre i confini Italiani e che mostra una comunità LGBT ancora troppo nascosta ed imprigionata da problemi religiosi e culturali.

Fortunatamente esistono persone come Wajahat che lottano quotidianamente contro ogni forma di discriminazione. Sarà lui che, attivista per l’associazione Il grande colibrì e coautore del libro Allah Loves Equality, ci racconterà qualcosa in più in merito alla cultura Pakistana:

Ciao Wajahat, ci parleresti un po’ di te? Vivi da molto tempo qui in Italia?

Sono in Italia da quanto avevo 15 anni, esattamente dal 1999. Di professione faccio il regista e dedico tutto il mio tempo libero a combattere a favore dei diritti umani.  A questo proposito, dal 2010 al 2014 ho girato due lungometraggi in Pakistan: il primo si chiama THE DUSK, parla delle varie persone scomparse e del terrorismo. Il secondo invece si chaima FATWA e parla dei diritti delle minoranze, nello specifico tratta della storia di un ragazzo cristiano e il suo amico medico sciita.

Com’è visto l’essere gay in Pakistan?

E’ brutto a dirsi ma, dipende da quale classe sociale fai parte. Quindi è diverso se parliamo del figlio di un operaio rispetto a quello di un avvocato, o se vivi in zone rurali rispetto che nelle grandi città. Comunque l’omosessualità in Pakistan è un qualcosa che si conosce, diciamo che la popolazione è abbastanza tollerante finchè non vai ad urlarlo in piazza.

Dalle mie parti poi, è anche molto facile avere rapporti sessuali con persone dello stesso sesso, anche perché per poterlo fare con una donna, devi per forza esserci sposato. Ci sono delle eccezioni però, riservate ovviamente ai più abbienti: infatti è consetito far qualcosa con una donna ma solo se la si porta in un albergo a 5 stelle.

E’ invece impossibile trovare coppie gay aperte e libere di esprimersi, purtroppo tutto è vissuto nell’ombra. C’è sicuramente una grande ipocrisia di fondo e la società non è pronta ad accettare queste cose, come non parla apertamente del discorso riguardante il sesso prematrimoniale.

Ci parli un po’ della tua religione? Secondo te è davvero così contro il mondo LGBT? (Anch’io, per quanto riguarda la mia cultura, non penso che nella religione cattolica ci sia nulla che vada realmente contro…)

Solo negli ultimi vent’anni la gente ha iniziato a parlare di “omosessualità” nell’Islam. Nel periodo d’oro invece, tra il VII e il IX secolo, era una cosa accettata. Il poeta Abu Nuwas ad esempio, scrisse poesie omoerotiche sotto il dominio del califfo Harun al-Rashid e il suo lavoro fu tollerato. E’ diverso se invece si parla del Corano, con la storia del popolo Lut che viene sterminato per volontà divina. Interpretazioni della storia colpevolizzano il popolo di essere stato ucciso a causa di un’estesa omosessualità, ma la realtà è che le atrocità commesse da quel popolo andavano dal politeismo, alla rapina, allo sfruttamento economico e allo stupro.

Allah Loves Equality

Parliamo invece del tuo libro “Allah Loves Equality”: Quando hai deciso di scriverlo? Ma soprattutto, cosa ti ha spinto a farlo?

Vorrei precisare che non sono l’unico autore del libro, Michele Benini ed Elena De Piccolo sono gli altri due autori e penso che loro meritino più complimenti di me. Michele è ateo (gay), Elena invece cattolica (etero) ed io, ragazzo musulmano di fede sciita (gay).

Abbiamo deciso di raccogliere diverse storie legate alla comunità LGBT, idea maturata durante il nostro viaggio in Pakistan mentre stavamo girando il documentario che, in un secondo tempo, avrebbe dato il nome al libro. Il progetto durò due anni e mezzo.

Ne raccomandiamo la lettura a tutti coloro che avranno l’opportunità di vedere il nostro documentario, che sarà presentato in vari festival, perché aiuterà a capire meglio molti punti e ovviamente, anche a chi semplicemente avrà voglia di conoscere una realtà diversa.

Qual’è il messaggio fondamentale che vorresti trasmettere?

Vorrei che si discutesse di più dell’argomento nel mondo islamico. E pensare che, in passato, l’omosessualità era presente nella vita musulmana. Solo con la colonizazzione britannica, l’intolleranza ha preso forza. Nel caso specifico del Pakistan, la sessualità veniva celebrata, basti pensare che è proprio lì che nacque il ”Kamasutra”.

Quando l’India e il Pakistan erano sotto un’unica bandiera, essere gay non era considerato reato. Addirittura i transgender venivano rispettati a tal punto da lavorare nei palazzi dell’Impero Mughal. Nel 1818, una delle prime azioni dei coloni britannici fu proprio quella di cacciare dai palazzi imperiali i transessuali, fomentando l’odio e l’intolleranza, presente ancora ai nostri giorni.

L’imposizione di leggi omofobe, inoltre, ha fatto sì che per credenza popolare, la religione musulmana non tolleri l’omosessualità, ma non è così. Il documentario mira proprio a cercare di aprire la mente di musulmani omofobi ed europei islamofobici. La religione musulmana è molto più tollerante di quanto si pensi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...