GAY LIFE/NEWS

Non siamo invisibili, le famiglie arcobaleno sono una realtà!

...Il ministro della Famiglia Lorenzo Fontana ribadisce la sua posizione sulle famiglie omosessuali e noi di Gay Lounge Italia ovviamente non ci stiamo.

“Abbiamo affermato cose che pensavamo fossero normali, quasi scontate: che un Paese per crescere ha bisogno di fare figli, che la mamma si chiama mamma (e non genitore 1), che il papà si chiama papà (e non genitore 2)”. Il ministro della Famiglia Lorenzo Fontana ribadisce la sua posizione sulle famiglie omosessuali e noi di Gay Lounge Italia ovviamente non ci stiamo.

papà arcobaleno

Credit immage

Diciamo una cosa, non sono di certo le famiglie arcobaleno che vogliono essere chiamate dai loro figli “Genitore 1 e 2” come se fossero delle cavie di laboratorio. Penso che i genitori di queste famiglie si facciano chiamare papà e papà o mamma e mamma, il risultato non cambia.

La cosa vera è che un Paese ha bisogno di figli per crescere ma, non lo farebbe in egual modo permettendo a genitori dello stesso sesso di poter adottare? Cosa cambierebbe? Non penso sia una cosa voluta da qualche entità superiore, piuttosto un blocco creato dall’uomo.

Soprattutto la cosa che ci si domanda di più è: “In che modo si mettono a repentaglio le famiglie eterosessuali?”. Non penso che le decisioni sessuali e di vita di un individuo possano influire su un’altra persona. E allora qual’è la paura? Che non ci sia più bisogno di nascondersi e soffrire in situazioni che non ci appartengono?

mani da matrimonio
io e mio marito durante il giorno del nostro matrimonio. FAMIGLIE ARCOBALENO!

“Le famiglie arcobaleno sono una realtà che non si può negare!”

Per quanto ci riguarda, un bambino dovrebbe avere di fianco soltanto due persone che lo amano e lo aiutano in ogni fase della propria crescita.

Io e mio marito ovviamente siamo fra quelle coppie che non potranno mai avere un figlio, causa la mancanza di leggi a riguardo. Forse saremmo stati dei buoni genitori, chi può dirlo…

L’unica cosa che posso dirvi è che sono innamorato di mio marito, per me lui è e sarà la mia famiglia. E’ stata la persona che ha condiviso con me otto anni di vita (fino ad ora), con cui son cresciuto, con cui ho pianto e vissuto momenti indimenticabili, in Italia e a NYC.

Allora cerchiamo di abbattere queste barriere mentali e iniziamo ad accettarci tutti un po’ di più, ognuno con le proprie diversità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: